Cava, al cimitero una lapide per la giovane migrante senza nome

0
4921

“Migrante perita in mare cercandola libertà”. Non un nome, non una data, né un luogo di provenienza. Sono una frase scarna e anonima per la lapide commemorativa che è stata apposta questa mattina, al Civico Cimitero di Cava de’ Tirreni, sulla tomba di una giovane donna giunta già deceduta nel porto di Salerno lo scorso 5 novembre.

Al suo ingresso in porto le furono assegnati una semplice targa con il numero 26 e l’identificativo A15 D005 per identificarla. Insieme a lei, giunsero esanimi altre venticinque donne a bordo della “Cantabria”, la nave della morte che aveva imbarcato oltre 375 migranti raccolti in mare, tra cui anche 26 donne morte, di età presumibile tra i 14 e 18 anni.

Sedici di esse hanno trovato sepoltura al Cimitero Monumentale di Salerno, le altre salme sono state, invece, sepolte in diversi comuni della provincia. La bara di una di queste sventurate ragazze giunse anche a Cava e qui fu sepolta lo scorso 17 novembre.

“Abbiamo accolto questa sventurata ragazza nel nostro cimitero”, ha affermato il sindaco Servalli nello scoprire la lapide marmorea realizzata dal Rotary Club, “nello spirito che ha sempre contraddistinto i cavesi di generosa accoglienza e di pietas umana. È penoso pensare che su questa tomba non vi sia un nome, come pure non poter avvisare la sua famiglia. Ma, almeno, questa giovanissima ragazza ha una sepoltura rispetto alle migliaia di vittime scomparse inghiottite dal mare”.

Un gesto simbolico quello di ieri, per affermare i valori della civiltà, della solidarietà e della sacralità della vita umana e con lo scopo di evitare che la morte di questa giovane donna che si affacciava alla vita e che cercava un futuro oltre la disperazione della sua condizione, cada nell’oblìo.

Articolo precedenteSarà dura, ma finalmente si vota
Articolo successivoQuell’Oblomov in ciascuno di Noi
Diplomata al liceo classico, ha poi continuato gli studi scegliendo la facoltà di Scienze Politiche. Giornalista pubblicista, affascinata da sempre dal mondo della comunicazione, collabora con la rivista Ulisse online sin dalla sua nascita nel 2014, occupandosi principalmente di cronaca politica e cultura. Ideatrice, curatrice e presentatrice di un web magazine per l'emittente web Radio Polo, ha collaborato anche col blog dell'emittente radiofonica. Collabora assiduamente anche con altre testate giornalistiche online. Nel suo carnet di esperienze: addetto stampa per eventi e festival, presentazione di workshop, presentazioni di libri e di serate a tema culturale, moderatrice in incontri politico-culturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.