scritto da Redazione Ulisseonline - 12 Giugno 2015 10:04

L’economia italiana torna a crescere

Il Pil dei Paesi Ocse frena al +0,3% congiunturale nel primo trimestre rispetto al +0,5% del quarto trimestre, mentre in Italia il Pil registra un rialzo dello 0,3% nei primi tre mesi dell’anno, in miglioramento rispetto alla stagnazione del quarto trimestre.

Per la prima volta dal terzo trimestre del 2013, nel primo trimestre 2015 il Pil italiano ritrova il segno positivo, con una crescita dello +0,3% su base sequenziale. Lo riferisce l’Ocse. Torna in positivo anche il dato su base annua, per la prima volta da oltre due anni, a +0,1%. Complessivamente, il Pil dei Paesi del G20 è cresciuto nei primi tre mesi del 2015 dello 0,7%, trainato dai grandi Paesi emergenti asiatici (India +2,1%, Cina +1,3%, Indonesia +1,1%).

L’Unione europea si è fermata a una crescita dello 0,4%, con in particolare un rilevante passo avanti della Francia, salita dalla crescita zero del quarto trimestre 2014 a +0,6%.

Vanno invece in territorio negativo gli Stati Uniti, il Canada e il Regno Unito, rispettivamente a -0,2%, -0,1% e -0,2% da +0,5%, +0,6% e +0,5%. Ferme l’Unione europea e l’area euro entrambe a +0,4%. In frenata  la Germania a +0,3% dal +0,7% e la Cina a +1,3% da +1,5%. Su base tendenziale i paesi dell’area Ocse avanzano a +1,9% nel primo trimestre di quest’anno dal +1,8% dei precedenti tre mesi, quelli del G20 salgono da +3,2% a +3,3% e l’Italia avanza a +0,1% dal precedente -0,4%.

In rialzo dell’1,5% l’Unione europea da +1,4% e a +1% l’area euro da +0,9%. In frenata Francia e Germania, rispettivamente a +0,7% e +1% da crescita zero e +1,5%. L’India e’ il paese con il maggior tasso di crescita annuale e si attesta a +7,5% da +7,1%, mentre la Cina frena a +7% da +7,3% e gli Usa avanzano a +2,7% da +2,4%. (fonte Confcommercio)

Rivista on line di politica, lavoro, impresa e società fondata e diretta da Pasquale Petrillo - Proprietà editoriale: Comunicazione & Territorio di Cava de' Tirreni, presieduta da Silvia Lamberti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.