Procida “Capitale Italiana della Cultura”: domani arriva il presidente Mattarella

0
79

Domani, 9 aprile, sarà una giornata speciale per la regione Campania: Procida, nominata per l’anno 2022 “Capitale italiana della cultura”, ospiterà infatti il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che darà il via, ufficialmente, a questo evento di grande portata e caratura nazionale.

Vediamo insieme però, per fugare ogni dubbio, cosa rappresenta e come ha ottenuto tale investitura, l’isola campana.

Questo progetto, nato nel 2014, cavalca l’onda del processo di selezione della Capitale europea della cultura che fu affidato a Matera nel 2019, e dallo straordinario successo che ne derivò, riadattandolo in chiave italiana.

Riportando le parole espresse nel bando, la “capitale italiana della cultura” viene selezionata per “sostenere, incoraggiare e valorizzare la autonoma capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione senza conflitti, la conservazione delle identità, la creatività, l’innovazione, la crescita e infine lo sviluppo economico e il benessere individuale e collettivo”. Insomma, con questa iniziativa, ci si appella a tutti i valori (giusti) espressi dalla comunità europea, per dare slancio alle varie città che si candidano a tale nomina.

Procida ha sbaragliato la concorrenza delle altre dieci finaliste (Ancona, Bari, Cerveteri, L’Aquila, Pieve di Soligo, Procida, Taranto, Trapani, Verbania, Volterra), venendo annunciata dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini.

Con l’arrivo della più alta carica dello Stato, l’isola si mobiliterà con una serie di eventi (inizio ore 14), come spettacoli teatrali, tour itineranti e mostre d’arte, con punto di riferimento situato nell’ex convento di Santa Margherita Nuova.  Alle 18.40 all’interno dell’ex convento riallestito per l’occasione, il saluto delle istituzioni darà ufficialmente il via a Procida 2022 e sarà seguito dal saluto della Fanfara dei Carabinieri.

Tale evento risulta fondamentale non solo per la stessa Procida, ma dà una nuova luce all’intera regione Campania, che dopo questi anni di pandemia, può finalmente ripartire in grande stile per ridare lustro al settore del turismo, cercando di crescere e svilupparsi anche (e soprattutto) grazie alla… CULTURA.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.