Napoli, al Pan fino al 5 maggio la grande mostra su Escher e le sue illusioni

0
168

“Il mio lavoro è un gioco. Un gioco molto serio.” Parola di Maurits Cornelis Escher.

Animali che si rincorrono e si inseguono fuori e dentro il foglio, geometrie impossibili, bianco e nero che in un gioco di pieni e vuoti creano immagini fantastiche, prospettive incredibili, quadrati che diventano pesci che diventano uccelli che diventano uomini che tornano quadrati. Sono i temi, i soggetti più ricorrenti nei disegni di Escher, straordinario artista che ha fatto della capacità di stupirsi la base della sua creatività.

Ancora per qualche giorno è possibile ammirare la grande retrospettiva Escher  in mostra, fino al 5 maggio 2019, per la prima volta in assoluto al Pan, Palazzo delle Arti di Napoli.

Incisore e grafico olandese scomparso nel 1972, Maurits Cornelis Escher è sempre stato definito un genio visionario.

Oltre 200 opere nella mostra promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, prodotta e organizzata dal Gruppo Arthemisia in collaborazione con la M. C. Escher Foundation e curata da Mark Veldhuysen e Federico Giudice Andrea.

Un percorso che parte da Escher per arrivare ai giorni nostri dove un’ampia sezione è dedicata all’influenza che il suo lavoro e le sue creazioni esercitarono sulle generazioni successive, dai dischi ai fumetti, dalla pubblicità al cinema. Ritroviamo in epoca moderna le sue opere riprodotte in alcune suppellettili di Ikea, nelle copertine degli album dei Beatles e dei Pink Floyd e persino in abiti ed accessori come cravatte e borse.

L’esposizione si divide in otto sezioni: Mauritis Cornelis Escher: gli esordi; Escher, l’Italia e la Campania; Tassellazione; Struttura dello spazio; Metamorfosi; Paradossi geometrici; Lavori su commissione; Eschermania.

I visitatori avranno così la possibilità di entrare in prospettive e geometrie tanto amate dall’artista. Tra le opere in mostra anche Metamorfosi II, Giorno e notte, Vincolo d’unione e Relatività, tanto per citarne alcuni esempi.

Un grande ritorno nel Sud Italia per Escher che lo amava così tanto, molti dei suoi capolavori sono nati proprio nella Costiera Amalfitana, ad Atrani, ad esempio, dove ha vissuto per lungo tempo e dove ha conosciuto la moglie svizzera. E proprio il piccolo borgo costiero è protagonista di molte opere, nell’ambito del suo soggiorno italiano che comprende anche Abruzzo, Lazio, Sicilia e Calabria.

Articolo precedenteY – Spina Bifida del Governo giallo-verde
Articolo successivoTramonti, domani il Centro antiviolenza porta gli studenti in piazza in un flash mob contro la violenza di genere
Sono un giornalista e mi occupo di comunicazione pubblica in un Piano sociale di Zona. Amo leggere, sono appassionata del mare e nei miei consumi culturali ci sono il cinema, la musica e i beni artistici. Sono il presidente dell’Associazione Comunicazione&Territorio che pubblica Ulisse on line e organizza da undici edizioni la rassegna letteraria Premio Com&Te, che rappresenta, tra l'altro, un momento di confronto tra giovani studenti e scrittori del panorama letterario italiano. Ho collaborato per molti anni con testate giornalistiche a diffusione locale e regionale, quali Confronto, l’Opinione, il Giornale di Napoli, Il Mattino, il Corriere del Mezzogiorno, e curato uffici stampa ed attività di comunicazione pubblica ed istituzionale presso comuni, aziende pubbliche ed il Conservatorio statale Martucci di Salerno. Ho insegnato teoria e tecnica della comunicazione presso alcuni istituti superiori della provincia di Salerno. Seguo con grande attenzione le evoluzioni della comunicazione pubblica in Italia ed in particolare il gruppo dell’Associazione #PASocial. Credo che la Pubblica amministrazione debba stare là dove sta il cittadino e quindi anche utilizzare, con la dovuta accortezza, i canali social.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.