Lùmina, mostra fotografica di Lello d’Anna

0
153

Il prossimo venerdì 1° aprile (18.30-21.30), nella Sede FAI Salerno, via Portacatena, 5o, si terrà l’inaugurazione della mostra fotografica di Lello d’Anna, Lùmina.

Introdurrà il maestro Pasquale Ciao, scultore.

Lello d’Anna, art director TPP-Pubblicitari Professionisti fino al 2003, opera dal 1979 nella fotografia e nella comunicazione visiva in progetti di fotografia commerciale e pubblicitaria, ricerca creativa ed elaborazione di immagini. Si occupa inoltre di postproduzione e photoretouching digitale professionale.

In mostra nove fotografie tutte realizzate in ‘Light Painting’ con soggetti naturali e rurali, riprese in piena oscurità con l’ausilio di torce marine alimentate a batteria per creare illuminazioni personalizzate delle scene.

Il rimando del titolo (proprio per questa illuminazione che ‘genera’ un’immagine dall’oscurità) è alla concezione della luce come legame diretto col divino, teorema portante all’alba del periodo gotico. A questi stessi concetti si lega anche una breve narrazione audiovisiva di supporto alle fotografie.

Il progetto è tutt’ora in corso e in fase di ampliamento con nuovi soggetti.

La mostra rimarrà aperta tutti i mercoledì e venerdì di aprile, dalle 18 alle 20.

Secondo Alessandro Demma, che ha curato il testo critico: “Il lavoro di Lello d’Anna si sviluppa attraverso un complesso processo di “analisi” costituito da molteplici fasi di ricerca. Attraverso un procedimento esplorativo, utilizzando fonti luminose portatili di differenti temperature cromatiche, il fotografo salernitano si muove come un esploratore alla ricerca dello spazio giusto, della sua “scena del crimine”. Così, cattura e imprigiona l’immagine, mettendo in scena una condizione di spaesamento, di smarrimento, uno stato di turbamento ottico e concettuale dettato dall’assenza di avvenimenti che crea un cortocircuito visivo e mentale tra ciò che si osserva e ciò che la nostra mente immagina”.

“L’universo realizzato dal fotografo salernitano – aggiunge ancora  Demma – è un luogo mai concluso di un processo alle immagini, uno spazio teorico e fisico, in cui le percezioni possono assumere un nuovo significato, nuova voce e nuova attualità; un universo che è giocato sul concetto di simulazione e che mette in causa la differenza tra il vero e il falso tra il reale e l’immaginario, sviluppando situazioni che creano “effetti di visione” che affascinano, seducono, inquietano, attraggono gli occhi dello spettatore e li incatenano alle ”immagini” delle sue fotografie”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.