Italiani veri

0
248
foto tratta dal profilo Fb Vigili del Fuoco. La fanpage

Giampiero Ruggiero, Lorenzo Botti, Christian Verdini, Stefani Palazzi … e tanti altri.

Ricordiamoli questi nomi, Vigili del fuoco, che, insieme ad altri centinaia di loro colleghi e di volontari, sono sempre in prima linea dopo le sciagure che periodicamente, e sempre più spesso, colpiscono il nostro paese, per terremoti, inondazioni, incendi, valanghe e, ora, per ponti, fabbricati e altre strutture che crollano.

Sono stati in prima linea ora, a Genova, dopo il crollo del Ponte Morandi, ma lo sono stati anche dopo i terremoti di Amatrice, di Casamicciola, e dopo il disastro di Rigopiano, l’albergo sommerso da una enorme slavina che lo coprì completamente.

Appena sanno di una disgrazia, immediatamente partono con i loro mezzi di soccorso, con i loro cani, ma soprattutto con la loro umanità e il desiderio di mettersi a disposizione degli altri, per tentare di salvare chi, pure sommerso da macerie, o neve, o acqua, ancora è in vita e, tempestivamente recuperato, può essere salvato.

Questi sono i veri italiani, quelli che, insieme a tantissimi altri, danno lustro al nostro paese, perché testimoniano la nostra umanità, il nostro senso di pietà per coloro che sono più sfortunati, per chi ha bisogno di aiuto e non del chiacchiericcio di politici, tecnici, commentatori e mezzi-busti televisivi, che ci riempiono la testa, a non solo, con tante chiacchiere e concetti inconcludenti.

Prendano esempio, specialmente i nostri “signori politici”, da questi umili e disponibili italiani, sempre in prima linea e talvolta mal considerati da una politica autoreferenziale e orientata più al benessere delle migliaia di politicanti e burocrati che a quello del popolo cosiddetto “sovrano” (sic!).

E dicendo ciò non mi riferisco solo agli attuali nostri governanti, pigmei se paragonati ai colossi politici del nostro paese, che lo hanno portato fuori dalle distruzioni di due guerre mondiali e di intermedio regime totalitario, ma anche a questi umili servitori dello stato, trascurati, sottopagati e talvolta scarsamente considerati, che nonostante tutto fanno il loro dovere con abnegazione e umanità.

Ovviamente non dimentichiamo gli altri servitori dello stato, i Carabinieri, i Poliziotti, i Finanzieri, l’Esercito, che riabilitano la nostra immagine a livello internazionale.

Questi sono i veri italiani, quelli che non guardano ai loro interessi ma principalmente all’aiuto degli altri.

E il popolo “sovrano” glielo riconosce, non solo con applausi e strette di mano, ma col calore che sa dimostrare ai generosi, agli altruisti, come è avvenuto durante il rito funebre che ha seguito la tragedia del crollo del ponte di Genova, durante il quale si è stretto non solo intorno ai familiari delle vittime, ma anche a tutti questi splendidi servitori dello stato che si sono prodigati nell’estremo tentativo di salvare vite umane.

E l’umanità di questa gente è stata ancora una volta dimostrata dalle lagrime di uno dei soccorritori il quale, ricevendo l’abbraccio commosso e i ringraziamenti di una madre che piangeva il figlio vittima del crollo, si è a sua volto commosso e ha pianto “per non aver fatto di più”.

Ad essi il riconoscente ringraziamento anche di questo giornale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.