SUCCEDE IN GIARDINO Un guerriero invincibile

0
208

L’estate del 2017 sarà ricordata, a pieno titolo, tra quelle più calde di sempre. Soprattutto al Centro e al Sud del Paese. Le ultime piogge risalgono a fine marzo, e da quel momento in poi il progressivo aumento delle temperature e le sette ondate di caldo hanno trasformato la stagione primaverile e quella estiva in una vera e propria prova di sopravvivenza.

Fatta eccezione per gli alberi di alto fusto come, ad esempio, querce e noci, un po’ tutte le piante hanno patito le temperature alte, e molte di queste senza apporti idrici non ce l’avrebbero fatta. Anche gli olivi sono stati messi a dura prova con conseguente impatto negativo su quella che sarà la produzione di olio.

C’è un albero, però, che nonostante le avverse condizioni meteorologiche continua a tirare dritto. Come se niente fosse. Nemmeno una foglia  secca. Lui è rimasto lì, impassibile, a sfidare il sole cocente.

E’ l’ailanto (anche detto “albero del Paradiso”) importato dalla Cina nel Settecento, per poi essere inserito qua e là nei giardini e utilizzato anche lungo le nostre arterie stradali. Si ignorava, però, che quest’albero, in grado di raggiungere in due-tre anni l’altezza di 5-6 metri, ha una grande capacità di riprodursi grazie ai numerosi e leggeri semi che produce, di occupare ogni spazio a svantaggio di altre specie vegetali e di attecchire praticamente ovunque.

Un colonizzatore unico, insomma, che quasi unanimemente è giudicato come una pianta infestante da combattere, anche in ragione dei danni che con le robuste e lunghe radici provoca a monumenti ed edifici storici.

E’ una battaglia dura (quasi impossibile) da vincere, perché l’ailanto difficilmente si lascia sopraffare. Occorre rimuovere i giovani esemplari, estirpandone anche la radice, e procedere con tagli drastici degli esemplari adulti. Se è necessario, bisogna ricorrere ai rimedi chimici.

Nel mio giardino della Carcarella due giovani ailanti hanno messo tenda su un terrapieno con pareti pressoché verticali, che contribuiscono a rendere stabili.

Insomma, non tutti gli ailanti vengono per nuocere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.