Quel gradevole senso, tutto italico, d’anarchia

0
194
foto Angelo Tortorella

Sono al seggio. Nel mio quartiere, a Roma, sono le 13.30 del 4 marzo. Vedo fila. Buon segno. Dopo poco mi rendo conto che si tratta del codice a barre sulle nuove schede. Vabbuò, penso, cmq ci sta fila, tanta. Sempre buon segno.

Inizio a parlare con due signore in coda: il senso di responsabilità di andare a votare. Bella conversazione. Buon segno anche questo. Chissà che non accada qualcosa di razionale. Stavolta.

Sono classe 1982, l’ann r’o mondial mi dicevano da piccolo. Di elezioni ne ho viste tante e dal 2000 partecipo a tutte le tornate ma, sinceramente, non mi ricordo di un risultato, chiaro, che abbia dato, in definitiva e vitte vitte, un vincitore concreto al Paese.

Ad ogni modo, post voto la domenica romana scorre abbastanza serena. Fino ai primi risultati. Alle 23 lo scenario che prende forma è abbastanza divertente: Salvini e Cinque Stelle in testa (a proposito su Cava il 45% delle preferenze) con questi ultimi movimento più votato.

Tempo fa scrivevo del vuoto politico riferendomi all’assenza di cultura politica e di programmi concreti nelle proposte dei partiti e movimenti verso il voto: concretamente, chi ha vinto domenica 4 marzo lo ha fatto in base a nessun tema politico rilevante. La stragrande maggioranza li ha votati perchè ha visto il Cambiamento o semplicemente per la bravura nell’affermare S’ Nanna’i tutt a cas. A tutti questi i migliori auguri perché siano esauditi ma solo a condizione e nella speranza di un contesto migliore per tutti.

Lo scenario post-voto non sembra garantire una maggioranza stabile e consolidata e dunque il tema è demandato al Presidente della Repubblica a cui la nostra Costituzione – non so se più bella del mondo ma senz’altro efficacissima in tal caso – attribuisce la facoltà di avviare consultazioni e assegnare, sperando vi siano le condizioni, il mandato per formare il Governo.

Sgombriamo il campo: il Paese siamo Noi e il Paese si è espresso su chi voleva votare. Adesso toccherà capire se chi è stato scelto avrà la credibilità di una maggioranza a supporto o se invece andremo ad una soluzione tecnica.

Fatto sta che, come sempre, ce la caveremo. E qui sta un Grande tratto del nostro essere italici: laddove anarchia e rinvio delle responsabilità paralizzano, l’Italia anche claudicando, va comunque avanti. Alla fine, per certi aspetti, l’anarchia fa anche un pochettino parte di noi e del modo in cui ci relazioniamo alla comunità a cui apparteniamo. Per tratti, fa anche parte della nostra storia, essere anarchici o meglio insofferenti rispetto a regole costituite che tutti gli altri osservano. D’altronde la democrazia non s’adatta e s’affina ai costumi dei popoli che decidono di farne strumento di governo? Ad ogni modo, ce la caveremo, anche stavolta. Auspicando, magari, che prima o poi usciremo dal guado e potremo essere un Paese capace di guardare al Futuro in maniera leggermente più concreta e disegnata senza, per forza, affidarci alla Protesta.

I migliori auspici di Buon Lavoro, intanto, al Presidente della Repubblica. Ancora una volta a lui di scrivere una pagina di Storia della nostra strana, che dir si voglia, anarchica, cultura democratica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.