Servalli e il disastro del Pd

0
1133
foto Gabriele Durante

Quanti cavesi conoscono il candidato pentastellato alla Camera che in città è stato votato da quasi un elettore su due, beccandosi circa 13 mila consensi, con una percentuale di circa il 45%? Qualche decina, un centinaio? Di sicuro non arrivano ad un migliaio, gli altri dodicimila l’hanno votato senza forse neanche vederlo in fotografia.

Questo per dire che il voto d’opinione, che alle politiche è assai consistente ed è una espressione di libertà ma anche un indice dello stato di buona salute della nostra democrazia (nonostante tutto), l’ha fatto da padrone nella nostra città così come nell’intero Paese. Non si è votato il candidato, la persona, bensì un’idea, una voglia di cambiamento, magari per protestare e/o esprimere rancore verso quella che continua ad essere percepita sempre più una casta.

Questo, però, anche per dire che i risultati delle politiche bisogna prenderle con le pinze e non affrettarsi a facili e superficiali valutazioni in salsa locale. D’altra parte, ogni elezione, da sempre, ha la sua storia, è una cosa a parte. Fare raffronti, o peggio riflettere i risultati di un voto per le politiche sullo scenario politico locale, può risultare fuorviante e portare fuori strada se fa difetto la cautela e la serenità di giudizio.

Detto questo, non può passare però inosservata  la disfatta del Pd nella nostra città, dove governa da quasi tre anni senza particolari problemi e con un consenso abbastanza ampio tra la cittadinanza. Eppure il Pd è venuto disastrosamente meno. Certo, la maggior parte delle cause di questa disfatta hanno una matrice sovra comunale. Insomma, il grosso dei problemi non hanno una location metelliana. Tuttavia, che quasi il novanta per cento degli elettori cavesi abbia voltato le spalle al Pd, lascia perplessi e non può che preoccupare l’establishment democrat metelliano, a cominciare dal sindaco Servalli.

In altri termini, una batosta di simili proporzioni qualcosa vorrà pur dire a livello locale. Il Pd, la maggioranza che governa la città, il sindaco Servalli, non possono quindi non porsi il problema e compiere le dovute riflessioni. Qualcosa, molto probabilmente, non va nella politica cittadina del Pd e dell’Amministrazione, e forse va cambiata. Cosa? Toccherà a quelli del Pd individuare i punti deboli mettendo in primo luogo a tacere quanti fra loro, con spocchia e superficialità, ritengono che tutto vada bene e che non ci siano problemi di natura locale.

Forse, però, è anche il caso che il sindaco Servalli, una volta per tutte, si decida a dare maggiore brio, consistenza e qualità alla sua compagine amministrativa. A due anni dal termine del mandato e dal giudizio elettorale, una rivisitazione dellla Giunta con l’inserimento di qualche personalità di maggior spessore e competenza oltre che vivacità intellettuale, potrebbe dare un po’ di colore ad un’azione amministrativa che a tratti appare stanca ed ingrigita.

I cavesi, così come gli altri connazionali, hanno votato l’altro ieri nel segno del cambiamento e della speranza in un futuro migliore. Forse, raccogliere anche in sede locale una simile sfida, per il sindaco Servalli più che un dovere rappresenta una impellente necessità.

Articolo precedenteCava, l’ondata 5 Stelle sfiora il 45% di voti
Articolo successivoCava, Piano di Zona S2, venti le aziende che hanno aderito al Reddito di Inclusione
Giornalista, ha fondato e dirige dal 2014 il giornale Ulisse on line ed è l’ideatore e il curatore della Rassegna letteraria Premio Com&Te. Fondatore e direttore responsabile dal 1993 al 2000 del mensile cittadino di politica ed attualità Confronto e del mensile diocesano Fermento, è stato dal 1998 al 2000 addetto stampa e direttore dell’Ufficio Diocesano delle Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi Amalfi-Cava de’Tirreni, quindi fondatore e direttore responsabile dal 2007 al 2010 del mensile cittadino di approfondimento e riflessioni L’Opinione, mentre dal 2004 al 2010 è stato commentatore politico del quotidiano salernitano Cronache del Mezzogiorno. Dal 2001 al 2004 ha svolto la funzione di Capo del Servizio di Staff del Sindaco al Comune di Cava de’Tirreni, nel corso del 2003 è stato consigliere di amministrazione della Se.T.A. S.p.A. – Servizi Terrritoriali Ambientali, poi dall’ottobre 2003 al settembre 2006 presidente del Consiglio di Amministrazione del Conservatorio Statale di Musica Martucci di Salerno, dal 2004 al 2007 consigliere di amministrazione del CSTP - Azienda della Mobilità S.p.A., infine, dal 2010 al 2014 Capo Ufficio Stampa e Portavoce del Presidente della Provincia di Salerno. Ha fondato e presieduto dal 2006 al 2011 ed è attualmente membro del Direttivo dell’associazione indipendente di comunicazione, editoria e formazione Comunicazione & Territorio. E’ autore di due pubblicazioni, Testimone di parte, edita nel 2006, e Appunti sul Governo della Città, edita nel 2009.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.