Inci-Flex, le radici e i valori di un’impresa innovativa guidata dal dinamico Vincenzo Consalvo

0
152

“La concorrenza si affronta ormai non più gareggiando sui prezzi, ma competendo su tutto quello che è diverso dal prezzo: la differenziazione del prodotto, la distribuzione, la logistica, il marketing, la pubblicità, il servizio al cliente…”.

A scriverlo è Gianfranco Viesti, docente di Economia applicata all’Università di Bari e autorevole meridionalista, in una delle sue più interessanti pubblicazioni, Mezzogiorno a Tradimento – Il Nord, il Sud e la politica che non c’è (Editori Laterza, 2009).

A dirlo, però, non fosse altro perché lo ha concretamente realizzato, potrebbe essere tranquillamente Vincenzo Consalvo, CEO nonché proprietario e amministratore unico di Inci-Flex, società della provincia di Salerno specializzata nella produzione di impianti stampa roto, flexo e cartone ondulato. Un’azienda che nel proprio settore rappresenta un fiore all’occhiello nel panorama nazionale e internazionale, anche e soprattutto in risorse umane, dando spazio ai giovani, alla loro creatività e voglia di eccellere.

Un’azienda che lo scorso 15 luglio ha celebrato il ventennale di attività, e che è stata un’occasione per incontrare quanti, a diverso titolo, hanno contribuito a rendere l’azienda quella che è oggi, una realtà imprenditoriale specializzata nel settore della prestampa per gli imballaggi finalizzata alla produzione di impianti flessografici, ad alto tasso tecnologico e solidamente fondata sulla competenza, l’esperienza e la professionalità.

Venti anni di un’esperienza umana e produttiva fatta sì di produzione, ma contraddistinta da sempre da una forte vocazione alla ricerca, all’innovazione e allo sviluppo.

Un’avventura che inizia a Cava de’ Tirreni nel 1979 con Carmine Consalvo, papà di Vincenzo, il quale nel 1984 inizia la sua attività imprenditoriale mettendo a frutto, con intelligenza e sagacia, tutta l’esperienza e le conoscenze tecniche fino ad allora acquisite nel settore della prestampa.

E’ con questo bagaglio professionale, ma anche con un impegno e una dedizione straordinari, e sorretto da quella passione che in tutta la sua vita aveva dedicato al  mondo delle arti grafiche, Carmine Consalvo fu il fondatore di un percorso imprenditoriale affascinante, dove la visione si coniugava ai successi produttivi, il sogno alla concretezza delle soluzioni innovative adottate, le aspirazioni alla realtà dei risultati ottenuti, la lungimiranza nell’intuizione di acquisire nuove attrezzature e tecnologie all’efficienza dei processi industriali.

E fu così, con questo mix virtuoso, che nel 1997 Carmine Consalvo fondò, insieme con il giovane figlio Vincenzo, l’attuale Inci-Flex, continuando e sviluppando così quel percorso di crescita produttiva e qualitativa, tale da consentire di espandere il mercato a tutto il territorio nazionale.

Nel 2009 l’azienda era intanto diventata troppo grande e viene trasferita a Fisciano, nella sede attuale, dove può disporre di 10mila metri quadrati, tanto che anche per queste dimensioni è una delle società più grandi oltre che importanti nel settore della prestampa per imballaggi flessibili.

La storia di Inci-Flex ha dunque radici profonde che ancora oggi con Vincenzo Consalvo, figlio del fondatore, continua e si sviluppa attraversando i confini nazionali pur mantenendo vivi quegli stessi valori e principi che le hanno dato vita e l’hanno resa unica negli anni.

Oggi Inci-Flex, grazie al desiderio di innovazione, di crescita, di continuo miglioramento voluto e alimentato da Vincenzo Consalvo, è un’azienda che si sviluppa in un ambiente studiato per garantire ad ogni operatore il confort e la sicurezza necessaria per permetter loro di esprimere al meglio le proprie potenzialità e garantire un lavoro di estrema qualità. Insomma, Inci-Flex insieme alle sue più moderne tecnologie di incisione flessografica e rotocalco, offre competenze globali alimentate da uno staff altamente specializzato.

Quattro i reparti i cui è divisa l’azienda a secondo del prodotto richiesto dai clienti: flexo, label, rotocalco e ondulato. Un lavoro coordinato ed attento basato sulla costante formazione e sviluppo del personale, abbinato all’incessante ricerca e miglioramento della tecnologia adottata, continuano ancora oggi, e forse a maggior ragione visto i risultati ottenuti in più di trent’anni di attività imprenditoriale, ad essere le chiavi del successo di Inci-Flex nel settore della prepress nazionale

La mission di Inci-Flex è chiara e funzionale, sebbene impegnativa e complessa: offrire un’assistenza completa e funzinale per la scelta più idonea, a seconda del progetto grafico e del lavoro di stampa da svolgere.

“Il nostro target assoluto e imprescindibile –dichiara Vincenzo Consalvo- è fornire ai nostri clienti soluzioni concrete e innovative attraverso un servizio curato e puntuale che mira ad una riduzione del time to market ed all’eccellenza qualitativa. Da qui la filosofia della nostra azienda: garantire un risultato certo ai cliente e non solo a vendere dei prodotti”.

“Per questo –puntualizza Vincenzo Consalvo- i valori della nostra mission sono, restando immutati dalla fondazione dell’azienda, la passione, l’affidabilità, l’incisività, l’eco sostenibilità, mentre le parole chiavi della nostra impresa sono innovazione, tecnologia, responsabilità, risultato”.

Questi gli ultimi numeri, che in parte danno il senso di cosa sia oggi Inci-Flex: 7,5 milioni di fatturato, 60 dipendenti, 2 siti produttivi. Oggi però l’azienda guidata da Vincenzo Consalvo si prepara a nuove, impegnative e non facili sfide come quelle che richiedono la ricerca di nuovi mercati.

Inci-Flex, in effetti, sin dal 2013 ha mosso i primi passi verso l’internazionalizzazione, intravedendo nei paesi dell’Africa che si affacciano sul Mediterraneo, dall’Egitto alla Tunisia e all’Algeria, un potenziale sbocco per i propri prodotti e servizi.

“In un mondo sempre più globalizzato –spiega Consalvo- dove gli spazi e le distanze si riducono grazie allo sviluppo tecnologico e dove, con servizi logistici sempre più performanti, è possibile servire clienti a migliaia di chilometri, le frontiere aziendali sono imposte solo dal limite mentale”.

In breve, forte e consapevole delle proprie competenze e capacità, Inci-Flex ha deciso di accettare la sfida e provare a estendere la propria influenza oltre i confini nazionali ed europei. Una scelta, tuttavia, confortata da un lungo ed attento studio di mercato affidato a consulenti ed agenzie sul territorio, che hanno pienamente confermato l’intuizione e la visione del CEO Vincenzo Consalvo, ovvero che apportando un know how solido ed una tecnologia innovativa Inci-Flex avrebbe potuto confermare anche all’estero quella leadership già consolidato in Italia.

Da qui la scelta di premere sull’acceleratore dell’internazionalizzazione puntando -con l’ausilio di un collaboratore dall’intelligenza vivace e con un’esperienza internazionale ventennale quali sono quelle di Rino Gaeta, responsabile dello sviluppo internazionale- oltre ai mercati del Nord Africa anche a quelli della Costa d’Avorio e Iran, ma soprattutto adottando nell’immediato la scelta di impiantare a breve una sede stabile in Algeria, dove grazie ad un mercato effervescente e in crescita, confermato dal fatturato effettuato e dalle infinite richieste e solleciti degli stessi clienti, è ormai diventata per l’azienda di Fisciano un’esigenza di sviluppo decisiva e fondamentale.

“Nel Mezzogiorno si rileva la presenza di un gruppo di imprese dinamiche, innovative, con un grado elevato di apertura internazionale e inserite nelle catene globali del valore”.

E’ quanto si legge in un passaggio dell’ultimo Rapporto 2016 della SVIMEZ sull’economia del Mezzogiorno. Tra queste imprese, di sicuro c’è a pieno titolo la Inci-Flex di Vincenzo Consalvo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here